Guida Chemie3: Guida introduttiva all'economia circolare

Guida Chemie3: Guida introduttiva all'economia circolare

Il passaggio a un'economia circolare è una sfida centrale nella trasformazione verso un'industria a risparmio di risorse e climaticamente neutra. Molte aziende chimiche e farmaceutiche stanno affrontando il compito, ma le soluzioni sono spesso estremamente difficili. La nuova guida "Entrare nell'economia del riciclo nell'industria chimica" mostra come il percorso può essere padroneggiato passo dopo passo e in modo sistematico e quali opportunità si trovano in un cambio precoce. È stato sviluppato dall'iniziativa di sostenibilità Chemie3.

La guida offre alle aziende supporto strategico e operativo per passare a un'economia circolare. Propone soluzioni che spaziano dalla selezione delle materie prime per i prodotti, passando per la progettazione e realizzazione, fino al riciclo. Altri approcci mostrano come i prodotti dell'azienda possono promuovere il riciclaggio per i clienti o come i prodotti fuori uso possono essere ritirati. Anche il networking più forte delle aziende gioca un ruolo importante, poiché molti processi vanno oltre la loro stessa creazione di valore. Gli approcci risolutivi mostrati sono affiancati da esempi pratici delle aziende.

La guida si rivolge in particolare alle piccole e medie imprese nei settori della chimica fine e speciale dei sottosettori di base e intermedi, polimeri e materiali, vernici e rivestimenti, prodotti chimici per l'edilizia, adesivi, prodotti chimici per l'agricoltura, nonché prodotti chimici di consumo e farmaceutici. Anche le aziende avanzate e più grandi troveranno suggerimenti per rivedere il loro percorso precedente e, se necessario, per aprire nuove strade. Chi è interessato può leggere la guida all'indirizzo https://www.chemiehoch3.de/leitfaden-nachhaltigkeit scaricare.

Con la loro iniziativa Chemie³, i tre partner BAVC, IGBCE e VCI vogliono ancorare la sostenibilità come modello nell'industria chimica. A tal fine, Chemie³ ha elaborato dodici “Linee guida di sostenibilità per l'industria chimica in Germania” e supporta i suoi membri nell'applicarle nelle attività quotidiane.

La Federal Chemical Employers' Association (BAVC) è l'organizzazione ombrello per la contrattazione collettiva e la politica sociale per l'industria chimica e farmaceutica, nonché per gran parte dell'industria della gomma e dell'industria della lavorazione della plastica. Rappresenta gli interessi delle sue dieci associazioni membri regionali con 1.900 aziende e 580.000 dipendenti nei confronti di sindacati, politici e pubblico.

Con quasi 600.000 membri, l'IGBCE è il secondo sindacato industriale più grande della Germania. Modella le condizioni di lavoro per ben 1,1 milioni di dipendenti in più di una dozzina di settori, tra cui chimico/farmaceutico/biotecnologia, energia/materie prime/minerario, plastica/gomma, carta, ceramica e vetro.

L'Associazione tedesca dell'industria chimica (VCI) rappresenta gli interessi economici e politici di circa 1.900 aziende dell'industria chimico-farmaceutica e dei settori chimici legati alla politica, alle autorità, ad altri settori dell'economia, della scienza e dei media. Il VCI rappresenta oltre il 90 percento della chimica tedesca.

Fonte: comunicato stampa BAVC/IGBCE/VCI del 23.05.2022 maggio XNUMX

Condividi questo post